Data va lenta

Paxman Valenta Marine Propulsion Diesel Engines 695 - 3655 kW brake (943 - 4970 ps, 930 - 4900 bhp) ENGINE DATA Data Security. We work with clients across the globe and take the issue of data protection very seriously. We are an ISO 27001 and ISO 9001 certified company. We Actively Reward Talent. We believe in our staff, and we believe in rewarding high performers. Our staff are actively rewarded for providing the highest level of customer satisfaction ... El brote de COVID-19 (coronavirus) tiene el potencial de aumentar el estrés y la ansiedad, tanto por el miedo a contraer el virus como por la incertidumbre sobre cómo el brote nos afectará social y económicamente. Hay pasos prácticos que puedeseguir para mejorar su bienestar. ZULMA VALENTA Matches: 9, 0.001717%: ZULEMA VALENTA Matches: 10, 0.001111%: ZULA VALENTA Matches: 8, 0.001717%: ZORAIDA VALENTA Matches: 11, 0.002323% He oído en algunas ocasiones que tener el disco duro lleno hace que el ordenador vaya más lento. Esa es la impresión subjetiva que puede dar cuando cogemos un ordenador que tarda 5 minutos en ... Data Security. We work with clients across the globe and take the issue of data protection very seriously. We are an ISO 27001 and ISO 9001 certified company. We Actively Reward Talent. We believe in our staff, and we believe in rewarding high performers. Our staff are actively rewarded for providing the highest level of customer satisfaction ... 5. HOLLOW TO HEM. Measure from the center of your collarbones (hollow) to the bottom (hem) of your dress. For floor length dresses, wear shoes with similar heel height to those you will be wearing. Lenta reapertura económica por falta de dinero en empresas y consumidores. Aunque hay optimismo por la reactivación económica, los ingresos a cero que los negocios han tenido durante cinco ... La velocidad de mi subida es muy lenta Hacemos todo lo posible para asegurar que tus envíos se efectúen por nuestra parte a la máxima velocidad. Si notas una velocidad lenta, es probable que se deba a tu proveedor de servicios de Internet o a la conexión a la red o quizás hay algo que impide que nuestra conexión funcione correctamente. Es decir su velocidad de leer es normal y la de escribir es un poco lenta. Para ser honesto, eso podría ser normal porque, como te dije, según la página oficial del fabricante del pendrive ...

Piccola guida auto elettriche disponibili in Italia a settembre 2020

2020.09.14 23:23 elialitem Piccola guida auto elettriche disponibili in Italia a settembre 2020

Ho fatto un piccolo riassunto/data dump sulle auto elettriche disponibili in Italia a settembre 2020.
Disclaimer: Questo foglio Excel è stato fatto nel mio tempo libero: è un misto di esperienze personali (preventivi fatti da me), pressapochismi e a volte dati supposti a causa di mancanza di fonti certe (esempio: l autonomia della EVO). Detto ciò ho fatto del mio meglio per essere il più preciso possibile. La ZOE è considerata con batteria di proprietà.I prezzi presuppongo già tutti il miglior ecobonus disponibile OGGI, ovvero 10.000 EUR di sconto governativo. Altri eventuali incentivi regionali non sono stati, naturalmente, considerati. Alcuni modelli oltre i 50k non possono accedere a questo ecobonus.
Un po' di pillole di informazioni di facile assimilazione:
Tra queste sotto i 50mila euro e disponibili, le ho provate quasi tutte. La migliore è sicuramente la Tesla Model 3. Dato che questo era ovvio, tra le altre, per come è costruita e per come si guida la Honda e è decisamente la più bella auto che ho provato: pochissima autonomia e cara, ma divertente, scattante, fighissima dentro. Se avessi i soldi o i motivi per avere 2 auto (1 grande e con tanta autonomia e 1 da città/everyday) la seconda sarebbe decisamente una Honda e.
Tra tutte le mie indagini, sono convinto che la Corsa-e sia il miglior rapporto qualità prezzo e uso di tutti i giorni, oggi. Il prezzo a cui mi hanno fatto il preventivo si riferiva a un modello full optional, cerchi in lega, ADAS, autonomia onesta e carica rapida a 100 kW che rende anche i viaggi lunghi un non problema. La concorrenza magari ha autonomie migliori ma sono tanto più care. Le altre auto sulla stessa fascia di prezzo semplicemente non ti danno tutto quello che la Corsa-e ti da a 22 mila euro.
Trovate il foglio Excel liberamente consultabile qui
submitted by elialitem to italy [link] [comments]


2020.08.10 23:49 menem95 Análisis American Airlines (NASDAQ:AAL)

Hola, buenas! primero que nada, aclaro que soy medio nuevo en esto (leí varios libros y demás pero no soy ningún especialista). Hace unos días venia leyendo notas de portales y diarios que aconsejaban comprar esta acción, y el hype despertó mi curiosidad, por lo que estos últimos días dedique un rato a hacer mi humilde investigación, para ver que onda. Dejo acá lo que hice, quizás a alguno le sirva. Podrán ver que el approach es puramente análisis fundamental y me base en cosas que aprendí de los libros de Graham y similares, si alguno quiere corregirme cosas (que debe haber varias) o contarme que cosas agregarían a la hora de investigar y analizar empresas estaría muy agradecido.

-American Airlines Inc. (AAL)

American Airlines Group Inc.[1] (conocida como AA o simplemente como “American”) es una corporación basada en Forth Worth TX, EEUU. La acción cotiza bajo el ticker AAL en el NASDAQ a un precio al cierre del 6/8/2020 de $13,04 dólares por acción.
Su principal operación es el transporte aéreo, tanto de personas como de carga. A través tanto de sus aerolíneas propias subsidiarias como de las aerolíneas regionales que operan bajo el nombre de “American Eagle” (tanto propias como 3ros), el Grupo opera un promedio de 6800 vuelos por día a mas de 365 destinos en 61 países. American Airlines tiene un tamaño prominente, es actualmente la aerolínea mas grande del mundo bajo varios parámetros (pasajeros transportados, tamaño de flota etc.). En cuanto a la competencia, en el ámbito doméstico, las rutas son altamente competitivas, aerolíneas como Delta, Frontier, Southwest o United son una fuerte competencia. También compiten con aerolíneas charter y de carga y, sobre todo en segmentos mas cortos transporte terrestre y ferroviario. La competencia de las low cost va in crescendo. Asimismo, AA provee servicio internacional a una variedad de destinos. El grupo tiene una capitalización de mercado de 6632 millones de USD.
Respecto a la posición financiera de la empresa, a junio de 2020, la empresa tiene activos corrientes por 13789M de USD y pasivos corrientes por 18000M de USD (por lo que el current ratio es de 0,766 lo cual representa una mejoría respecto al 0,444 de diciembre 2019). El working capital por lo tanto es negativo, igual a -4211M USD (contra la figura negativa de -10105M de USD para dic-2019). La deuda de largo plazo es de 28698M USD (representando un fuerte incremento contra 21454M USD en dic-2019 y 21179M USD para dic-2018).
Respecto a las ganancias de la compañía. AAL reporto una pérdida de 4308M de USD (1S 2020), contra una ganancia de 847M USD para 1S 2019. Si miramos el historial de ganancias netas de los últimos 10 años, el historial de American Airlines es irregular, tiene 4 años de perdidas (2010-2013), con muy malos prospectos para 2020, no obstante, los últimos 5 años sin contar 2020 (por la situación excepcional del COVID), resultaron en ganancias netas para AA.

Año (ene-dic) 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019
Net Income (M USD) -471 -1979 -1876 -1834 2882 7610 2676 1282 1412 1686
Dif. Anual (%) ------- -320,17 5,2 2,24 257,14 264,05 -64,84 -52,09 10,14 19,41

Si evaluamos la evolución y crecimiento de las ganancias en 10 años, teniendo en cuenta el net income promedio de los últimos 3 años y los primeros 3 años, así como el promedio de las acciones circulantes bajo el mismo criterio, el EPS evolucionó un 151% de -6,12 a un EPS de 3,14.[2] No obstante esta evolución se ve truncada por la crisis que atraviesa actualmente la empresa, bajo la cual, actualmente una acción de AAL tiene un EPS de -8,02. Para el Q2 2020 AAL tiene un EPS de -4,82, mientras que para Q2 2019 había tenido un EPS de 0,67. Anualizado el EPS es de para el ultimo año de -8,07 (con pérdidas estimadas en 3461M para el conjunto de S2 2019 y S1 2020).
La caída de la empresa (y de la industria aeronáutica en general), debido a la crisis del COVID-19 este último trimestre es dramática, American tuvo ingresos por transporte de pasajeros de 11.011M USD en el Q2 2019, que se redujeron a la exigua cifra de 1.108M USD en el Q2 2020, una caída del 90%. En transporte de carga la caída fue inferior (del 41%) pero su incidencia es mínima, ya que paso de 221M USD a 130.
Evaluando un poco mas la fuerza financiera de la empresa, y nos referimos al flujo de efectivo proveniente de operaciones, encontramos que AAL recibió 2295M en el 1S 2020, contra 2335 en 1S 2019 (-1.7%). Evaluando la evolución en 10 años de este parámetro:

Año (ene-dic) 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019
CF de Operaciones (Mill. USD) 1241 743 1285 675 3080 6249 6524 4744 3533 3815
Dif. Anual (%) ------- -40,13 72,95 -47,47 356,3 102,89 4,4 -27,28 -25,53 7,98
Podemos ver en el cuadro que el cash Flow de operaciones evoluciono de forma irregular, si bien se observa un crecimiento sustancial en los últimos años en relación a los primeros. Respecto a la estructura de capital de la empresa, el total capital (deuda de largo plazo + total shareholder equity), al 30 de junio, este valor se encontraba en el orden de los 25529M USD (reportaron stockholder equity negativo por 3169 M de dólares), por lo que la deuda de largo plazo resulta el 112% del total capital. Para peor, hasta 15.134M de la deuda (54%) puede estar sujeta a tasas variables.
Respecto a la política de dividendos, hay registro de pagos constantes de un dividendo de $0,4 (anual) por acción desde al menos 2014.[3] Mirando algunos ratios el P/E, de acuerdo con la ganancia de los últimos 3 años, bajo un precio de $13,04 es de 4,16. Ahora, si consideramos el resultado nefasto del ultimo semestre, el resultado es de -1,62. El Price to Book ratio también es negativo, de -1,76.
Cabe hacer un par de consideraciones y comparaciones en relación al sector en el que el grupo opera, la industria aeronáutica es complicada, el mismísimo Warren Buffett expreso sus reservas a la hora de invertir en aerolíneas (no es que no lo haga, de hecho, Berkshire es uno de los top holders, con el 8,24% al 30/3/2020).[4] Como dijimos, AAL es una empresa líder en el sector, y sus competidores más fuertes son Delta, United, Southwest, y la alemana Lufthansa (entre otros de menor peso). Haciendo una pequeña comparación[5] con estas empresas, American es la que peor EPS tiene a la fecha (TTM), con -8,17 (United, Delta y Lufthansa oscilan entre -5,23 y -6,10, Southwest pudo mantener un EPS positivo con 0,41). El performance de las acciones de estas compañías va en la misma línea, Southwest fue la compañía que menos perdió (-38,35% YTD), contra desempeños en el rango de -47,85% (Lufthansa) y -61,03% (United) de las otras compañías, AAL se ubica en el medio de estas otras compañías con -54,57% de perdida YTD.
Si miramos el current ratio, el 0,77 de American esta en la línea de las demás (Lufthansa tiene 0,54, United 0,61 y Delta 0,94) pero se ve ampliamente superada por el 1,7 que ostenta Southwest. En cuanto a la deuda, American esta en desventaja, tiene deuda neta por casi 30MM USD, mucho mas que cualquier otra empresa en la comparación (la que le sigue es United con 17,39MM). En el margen operativo tambien se la ve en desventaja, ya que tiene un -10,68% de margen, contra márgenes entre el -2,13% (Delta) y -5,18% (Lufthansa) de las otras empresas. El margen neto de beneficios es similar al operativo para American (-10,40%), y en las otras empresas oscila entre -10,74% (Delta) y 0,99% (Southwest). Otro punto de comparación es la nomina salarial de American, dato no menor en estos tiempos de pandemia, ya que esta empresa tiene 133,8 mil empleados, mientras que las otras empresas tienen entre 138,35 mil empleados (Lufthansa) y 60.800 (Southwest).
Respecto al management de la compañía[6], en abril 2020, en atención a la situación excepcional del COVID 19, se decidió reducir en un 55% el salario del presidente (Robert D. Isom) y en 50% el salario de los vicepresidentes y el CEO. Para 2019 la compensación total anual del CEO fue de $11.571.714, mientras que para todos los otros empleados la remuneración anual promedio fue de $61.143. La compensación anual total del CEO se redujo un promedio de 2,5% anual desde 2017 a 2019, mientras que la compensación total de los otros executive officers no mostró cambios significativos, pese a que los ingresos de la empresa crecieron esos años.
Considerando todo esto, será vital la recuperación que se viene en el futuro cercano. Esta recuperación podría iniciar pronto, pero hay indicios de que va a ser lenta. Uno de esos indicios es que el Congreso de EEUU estaría viendo con buenos ojos una extensión del programa de ayuda al pago de salarios (PSP) por otros 6 meses.[7] En ese sentido, el approach de la empresa es claro, se vienen recortes en la plantilla de American, ante el inminente final de la primer edición del PSP en octubre, informándose un potencial recorte de hasta 28000 empleados, incluyendo alrededor de 2500 pilotos.[8] En el futuro turbulento que se viene, un punto positivo es la alta exposición de AAL al mercado domestico (en 2019 de 42010M USD ganados por transporte de pasajeros, 30881M USD, el 74% es en este mercado), que parece que reanudara su actividad mas rápido que las rutas internacionales. La empresa parecería haber relajado sus expectativas de corto plazo y prevé que la capacidad máxima para Agosto estará en el 60% de los niveles de agosto 2019.[9]
A forma de conclusión, es evidente que el sector fue uno de los mas afectados por la pandemia del COVID-19, y no es claro cuando se va a producir ni cuanto va a tardar la recuperación, hay indicios de que va a iniciar pronto,[10] pero es claro que va a ser difícil compensar el impacto provocado por esta crisis. Comparativamente, American no esta en una buena situación, fue (de las empresas que compare) la que mas se endeudo durante la pandemia. No obstante, el motivo por el que analice esta empresa fue que había cierto hype, se incremento el volumen operado de sus acciones, y se empezó a aconsejar su compra en diversos portales especializados.[11] American no deja de ser una compañía altamente endeudada, y los trimestres que viene van a ser críticos para la definición de su futuro (hay analistas que no descartan incluso un concurso preventivo o quiebra).[12] Por todo esto, si se decide apostar a las aerolíneas, quizás sea aconsejable analizar las empresas de la competencia (Southwest sobre todo), para ver mas a fondo sus situaciones particulares y moverse con prudencia.
Fuentes:
Form 10-K (31/12/2019): https://americanairlines.gcs-web.com/static-files/d46a00e3-db05-4a91-af7a-fbe0fc2a7f08 (también Form 10-K de años anteriores, presentes en la pagina de IR de AA)
Form 10-Q Q2 2020: https://americanairlines.gcs-web.com/static-files/30362e5e-3869-4171-a4c3-80ce327d09dc
Yahoo Finance: https://finance.yahoo.com/quote/AAL/
Otras fuentes especificadas en los footnotes.

[1] Dado que se presentan estados financieros separados de American Airlines así como de American Airlines Group, salvo aclaración en contrario los datos pertenecen a esta última.
[2] Data de: https://www.macrotrends.net/stocks/charts/AAL/american-airlines-group/shares-outstanding
[3] De: https://www.nasdaq.com/market-activity/stocks/aal/dividend-history
[4] De: https://www.marketwatch.com/story/why-warren-buffett-couldnt-own-airline-stocks-now-and-still-be-a-true-value-investor-2020-07-06
[5] Las comparaciones se hicieron con el screener de TradingView: https://www.tradingview.com/screene
[6] Datos del proxy statement de la reunión anual de accionistas 2020: https://www.proxydocs.com/branding/965250/2020/
[7] Ver https://www.fool.com/investing/2020/08/08/a-payroll-support-extension-for-airlines-seems-inc.aspx y https://www.forbes.com/sites/tedreed/2020/08/07/airline-labor-unions-with-republican-backing-are-poised-for-another-historic-win/#3a177f752698
[8] De https://www.dallasnews.com/business/airlines/2020/08/04/american-airlines-inks-deal-with-pilots-as-it-tries-to-get-more-employees-to-take-leave-and-buyouts/
[9] De https://www.wsj.com/articles/airlines-getting-back-into-formation-for-coming-turbulence-11595521485
[10] Por ejemplo: https://www.forbes.com/sites/grantmartin/2020/08/09/american-airlines-brings-warm-food-back-to-airport-lounges/#24ef2f0764fc
[11] Como https://www.forbes.com/sites/greatspeculations/2020/08/09/stocks-this-week-buy-american-airlines-and-apple/#566d4b591c66 o también: https://investorplace.com/2020/07/aal-stock-buying-opportunity-below-its-sotp-value/
[12] Por ejemplo https://finance.yahoo.com/news/little-reason-optimism-american-airlines-100144310.html
submitted by menem95 to merval [link] [comments]


2020.07.21 11:08 theo_rnr Il gatto continua a far cadere le salviette a terra, ma non è stressante quanto la mia penultima esperienza lavorativa

Spesso utilizzo un tono insicuro quando durante una conversazione ammetto difficoltà nella mia carriera (al momento ferma), simile a quello di un bambino che dice una bugia pur sapendo che non la passerà liscia. Quando esprimo il sospetto di aver subito un trauma e di starne vivendo le conseguenze mi aspetto sempre che il mio interlocutore con sguardo austero, sorriso accennato e dito puntato mi accusi di un'infantile menzogna. È difficile osservarsi con sincerità.
Ho iniziato la mia ultima e rilevante esperienza lavorativa come sviluppatore informatico all'incirca quattro, cinque anni fa. Per tre anni e mezzo sono stato dipendente di questa azienda. Anziché dirvi che ci sono stati alti e bassi, l'equazione che rappresenta la curva ipotetica che creiamo con questa frase fatta mi è ora decisamente più specifica: il punto più alto sull'asse Y con coordinata X uguale a zero è sceso sempre di più, stringendo un'amicizia sempre più intima con l'asse cartesiano orizzontale; un rapporto sempre più profondo che è sfociato poi in un divorzio di quelli con la cattiveria, in cui lei tira i piatti e lui non paga gli alimenti.
Quello che inizialmente per me era motivo di orgoglio e di forte vanto si è trasformato in un incubo che trascino con me a più di due anni di distanza. Una posizione a tempo indeterminato, un'azienda piena di giovani, raggiungibile con una breve camminata, possibilità di lavoro da remoto, una Xbox in area relax, birra gratis in ufficio il venerdì sera. Il mio colloquio con il CTO si è svolto bevendo Moretti in un ufficio che si stava lentamente svuotando, di piccole dimensioni ma ben arredato. Ricordo di aver bevuto una birra di troppo. Di essere arrivato in camicia e cravatta pentendomene immediatamente, riparando prontamente: "Ti chiedo scusa per la formalità ma ho una festa di laurea più tardi!" dissi al ragazzo in felpa che mi trovavo di fronte. Se la vita fosse una gara di anzianità ed esperienza, aveva un vantaggio nei miei confronti di due, massimo tre anni. Ed era già CTO per un'azienda con grandi promesse.
Un annuncio con queste caratteristiche è semplice da scovare su Indeed e non me ne stupisco. Recruiter e aziende al giorno d'oggi sanno che il giovane informatico non desidera lavorare nell'impresa familiare giacca-e-cravatta, ma anzi svolta dalla natura erotica dei suoi sogni notturni verso più realistiche, oniriche fantasie professionali: seduto in uno dei pouf degli uffici Google dove gli impiegati si rilassano, consuma una cioccolata calda acquistata presso la caffetteria interna dopo la dura giornata di lavoro, affiancato da tecnologie bleeding edge. Non è un segreto agli iniziati che questi pregi siano un placebo, un palliativo.
L'azienda è un organismo votato alla creazione di utile e come tale tutte le sue espressioni, i suoi gesti e comportamenti sono volti a questo scopo. Una band notoriamente lenta a pubblicare nuovi album direbbe "Nothing else matters" e raggiungere questa conclusione ha richiesto fin troppo tempo nel mio caso. I luccicanti privilegi che ti vengono offerti non sono anomalia nel sistema di cui fanno parte ma stanno procedendo nel diventare il telaio su cui costruire il resto della macchina, parte integrante necessaria all'estrema ottimizzazione richiesta in un ambiente iper-competitivo.
I cosiddetti micro benefit sono volti a creare un senso di appartenenza, a modificare la tua visione dell'ambiente lavorativo da luogo in cui passare otto ore della tua giornata ad un posto accogliente in cui trascorrere più tempo possibile; fino al momento in cui lavorare per nove, nove ore e mezza non sarà più un extra ma la normalità. Il paragone più efficace rimane quello con i casinò: strutture costruite ad-hoc per modificare la percezione del tempo prolungando la tua permanenza; progettate per ridurre la capacità di orientarsi al loro interno rendendo più difficoltoso uscirne. La parola che stavo inconsapevolmente cercando in quel periodo quando cercavo giustificazioni per le ore extra non pagate, per i manager con pretese sconsiderate, il maltrattamento degli stagisti, le occhiatacce per le richieste di permessi, la completa chiusura verso la discussione di questi temi in maniera distaccata o aggressiva, era crunching.
Una parola che tiene spesso per mano un'altra: il crunching è la causa del mio burnout. Fisicamente e psicologicamente sono stato annientato. Il mio è cominciato con classici sintomi: un tic all'occhio, acidità di stomaco, depressione, sonno irrequieto, difficoltà nella concentrazione. Al termine del mio periodo triennale come junior developer ho guadagnato una dermatite seborroica, una confezione contenente 100 Gaviscon scaduti, qualche incubo notturno, diverse notti insonni dovute alla rabbia verso ciò che ho subito e qualche episodio simile ad un attacco di panico che sono riuscito a tenere molto segreto ai miei coinquilini in una casa con pareti molto fini. Ho perso il mio interesse verso un percorso professionale nell' IT, qualche migliaio di euro in psicoanalisi, un po' di capelli, diverse notti di sonno dovute al mio smarrito senso di competenza e sicurezza. Senza contare tre anni e sei mesi della mia vita.
Convivo con la maggior parte di queste conseguenze e una rabbia cieca, fuori luogo nella mia personalità; senza causa apparente irrompe nella mia vita e assume il controllo. Mi spaventa. Al contempo monopolizza. Qualunque attività deve essere interrotta, ogni risorsa deve essere dirottata ad odiare. Odiare la maniera in cui io sono stato trattato, ingannato, usato. Odiare quanto è ingiusto che tu venga abusato. Un urlo nella mia testa vorrebbe avvertire tutti quelli che girandomi, vedo percorrere la mia stessa strada come provai a fare con gli individui che la stavano percorrendo con me. Alcuni di loro si sono rivelati un'oasi, intelligenti nel comprendere come la mia voce fosse una richiesta d'aiuto piuttosto che un avvertimento. Ancora oggi sono orgoglioso di definirli amici; mi sento doveroso di aggiungerli alla lista dei guadagni. Furono loro a farmi comprendere come la causa delle mie sofferenze non erano le mancanze che sentivo di avere nei confronti dei miei datori di lavoro.
La vera sorgente della mia condizione era l'ambiente che mi circondava. Nella mia inesperienza ero stato condizionato a credere che tutti i miei dubbi erano infondati, le mie domande ingiuste; anzi, "questo è il minore dei mali", "da qualunque altra parte è peggio". Quando invitavo alla discussione incontravo uno sbarramento. Accettare in silenzio è l'espressione che scrivo ora. Nel passato e in particolari momenti d'ira uso una forma che coinvolge metafore più sconce, con variazioni negli angoli della spina dorsale e divaricamento di orifizi vari. Non solo ero senza colpa, ma avevo anche dei pari che mi supportavano in questa tesi. E per la maggior parte del mio periodo da dipendente ho fatto leva su di loro per sopperire a tutte le mancanze, ho condiviso il peso della fatica che sentivo crescere. Fino al giorno in cui una buona parte di questo gruppo decise di cambiare impiego. In un periodo di pochi mesi, una percentuale influente di queste persone di cui mi ero circondato non facevano più parte della mia quotidianità lavorativa. Una riconferma di appartenere alla fazione corretta: la resistenza.
Certo di essere dalla parte del giusto ero sicuro di riuscire a procedere in solitudine, armato di scudo e lancia nella mia battaglia alle Termopili. Sorvolando il paragone ardito, durante quell'ultimo anno fui certamente un dipendente scomodo. Una spina nel fianco. Con completa trasparenza riporto un piccolo ghigno apparire sul mio volto mentre scrivo queste parole.
Se sul fronte ricevevo richieste frequenti di straordinari non pagati, nessun incentivo e tante critiche, rispondevo puntando i piedi. Allo scattare esatto del minuto zero-zero dell'ora che sul contratto indicava la fine della giornata lavorativa il laptop era spento, riposto nella borsa e felicemente diretto verso un aperitivo. Una situazione sicuramente migliore rispetto a prima ma in cui si è sempre osservati: la performance review è dietro l'angolo. Ho visto il primo aumento dopo tre anni.
Mi venne comunicato che la mia performance non era sufficiente nonostante le mie consegne fossero puntuali e la qualità del mio lavoro proporzionale al tempo che mi veniva concesso; le mie capacità sempre messe in discussione. Ho sempre tenuto affilati i miei strumenti perché questa è la mia passione. Fui avvertito dei pericoli del mio atteggiamento da sindacalista, che non avrebbe portato a nulla; stavo diventando uno che "rema contro". Alzi la mano chi non si è mai sentito dire la metafora con la canoa. Mi venne consigliato di cambiare carriera, perché questa è la maniera in cui il resto dell'industria si comporta e se non ti adatti, non fa per te. Riguardo quest'ultima affermazione, la vidi come un consiglio solo inizialmente; un consiglio stupido per me, informatico da quando mio padre portò a casa un computer con Windows 95. Con lentezza compresi che si trattava di una minaccia. Alcuni progetti dalla dubbia natura etica circolavano internamente e feci di tutto per non lavorarci; al contempo mi chiedevo quanto essere osservatore silenzioso in lontananza mi rendesse anche carnefice. "Assistere" non significa solo essere presenti allo svolgimento di un fatto ma anche dare la propria collaborazione. Sono stato criticato per la mia natura solitaria: la mia mancanza di partecipazione nelle attività sociali organizzate all'interno dell'ufficio, come retreat, attività di team building e feste, rendeva difficile lavorare con me.
Come Napoleone ho ceduto infine ad una guerra durata fin troppo. L'azienda in cui ho lavorato ha compiuto dei passi minuscoli in una direzione migliore ma sicuramente non sufficiente; finché ho potuto ho sopportato a testa alta, fantasticando ad occhi aperti il giorno della liberazione in cui avrei mandato a fare in culo i soci fondatori saltando in piedi sulla scrivania; il giorno in cui avrei guidato la carica dello sciopero con i cartelli, il giorno della catena umana fuori dall'ufficio. Il giorno in cui avrei detto "Mi licenzio". Il giorno in cui tutti i miei colleghi si sarebbero licenziati in massa e il management avrebbe affrontato con lucidità, trasparenza e affetto, le proprie lacune.
Mi sento imbarazzato a descrivere queste mie fantasie. Mi rendo ora conto di come non feci altro che protrarre l'inesorabile fine in nome di qualche ideale romantico ed eroico, lo stesso che probabilmente mi ha reso un avido giocatore di ruolo e lettore di romanzi fantasy spicci.
Un lunedì mattina, dopo lo stand-up meeting, il mio manager mi prese da parte per dirmi che aveva deciso di rimuovermi dal progetto su cui stavo lavorando da più di sei mesi, perché il mio atteggiamento non era positivo. Risposi che non avrei combattuto questa decisione nonostante fossi fortemente infastidito. Mi venne data quindi la possibilità di decidere: continuare sullo stesso progetto e cambiare il mio atteggiamento o prenderne in mano un altro, minore. Mi resi conto che stavo combattendo contro i mulini a vento invece delle Termopili. Se queste erano le regole, era mio diritto smettere di giocare. Il giorno dopo, raccogliendo tutto il mio coraggio ho dichiarato la mia intenzione di dimettermi.
Gioia e gaudio! Udite, udite! Tre hip hip urrà!
Sono due anni che non lavoro come dipendente di un'azienda e che non riesco ad immaginarmi in una situazione in cui dialogo in maniera sana con un datore di lavoro. Dopo un anno ho fatto dei colloqui per poi venire assunto da una promettente azienda: ottima paga, bell'ambiente, orribile prodotto. Ho dato le mie dimissioni dopo un mese con una quantitativo di vergogna impressionante. Quel lieve progresso che ero riuscito a fare dopo aver interrotto il mio rapporto lavorativo insieme alla terapia, interrotta anch'essa, venne completamente annullato qualche giorno dopo l'inizio di questo nuovo impiego: i tic al viso, la paranoia, l'ansia da delivery, l'inadeguatezza di fronte alle persone che ti affiancano, l'infelicità di un lavoro insoddisfacente, sonno disturbato. Un passo avanti, dieci indietro.
Rifiuto recruiter da mesi e ancora mi sveglio la notte con l'unico scopo di non riaddormentarmi più. Al pensiero di ricominciare, la piccola fiamma pilota accesa dalla mia passione come programmatore è subito spenta. L'incredibile ed immensa capacità della materia grigia impallidisce di fronte a questa esperienza che mi trascino dietro rendendomi una bambola, ferma, immobile.
Sul letto a fissare il soffitto scuro. Sul divano, con l'aspirapolvere affianco, lasciatosi accasciare col casquè nella danza della pulizia.
Il piccolo campanaro di Notre-Dame dentro di me, con la sua gobba dovuta agli anni passati davanti ad una tastiera a fissare uno schermo, desidera con tutte le sue forze puntare il dito verso l'azienda che mi ha inflitto queste ferite. Vorrei denominare, nome e cognome, partita iva, indirizzo, doxxare, fare lo spelling, denunciare, perché l'ennesima ingiustizia è che la passino liscia mentre io ancora spendo soldi in medicine.
L'ipotetica situazione che ho appena descritto è uno dei tanti prodotti della mia rabbia, del desiderio di vendetta che mi porto appresso e di cui non so come liberarmi. Rimarrà uno dei miei sogni ad occhi aperti. Un'invenzione per distrarmi da quello che realmente mi circonda. Il mio ultimo giorno ho portato brioche e abbracciato, salutato tutti, ringraziando per l'esperienza. Un altro motivo per cui scrivo queste parole è la timida speranza che qualcuno unisca i puntini. Batman? Vorrei che qualcuno mi riconosca -si riconosca- e che dica il forte e universalmente riconosciuto soddisfacente "Vaffanculo!" che io non ho potuto urlare perché il networking, perché le referenze, perché l'educazione e la professionalità. Sono un vero rivoluzionario da cameretta.
Nei colloqui fatti durante le settimane del mio preavviso cercai di esporre tutti i pensieri che scrivo qui oggi al mio responsabile e a chi nel management era disposto ad ascoltarmi, riuscendoci solo in parte. Una parte troppo piccola, che non poteva fare alcuna differenza; mi chiedo costantemente se esista effettivamente una quantità sufficiente per cambiare la direzione sull'ago della bilancia. Il mio orgoglio, la mia furia e il mio zelo da paladino erano buoni esclusivamente fuori dal vero campo di battaglia, nei simulatori: discussioni con amici, genitori, con i conoscenti che si lamentavano dell'ora a cui erano usciti dall'ufficio quella sera; mio padre che mi insegnava a guidare le macchine fuoristrada su Colin McRae Rally 2 sul PC.
L'ultima delle motivazioni per queste parole è che siano un fragile passo iniziale della riabilitazione. È estenuante rimanere immobili.
Riconosco la difficoltà di trovare empatia con queste parole, lettore che sei imprenditore, manager. Un'altra delle mie fantasie è che tu riesca ad essere più sensibile.
Sento anche la tua difficoltà, dipendente soddisfatto del cappellino e della maglietta con il logo della company: spero che al prossimo capo di vestiario di ringraziamento per le 12 ore extra del mese, ti ricorderai di questa lettura.
Per te che sei padre di una generazione che ritieni nullafacente: attaccati. Per te madre che vedi i tuoi figli disoccupati e ti preoccupi per loro: ti voglio bene, ma oggi va così.
submitted by theo_rnr to ItalyInformatica [link] [comments]


2020.07.03 16:45 Francesc20 The Holders (39 - 47)

Preso da:
https://creepypasta.fandom.com/it/wiki/The_Holders_(1_-_99)
Il Possessore dell'Assenza
In qualunque città, in qualunque paese, vai in un qualsiasi istituto mentale o casa di cura alla quale puoi arrivare. Quando raggiungi la reception, chiedi di visitare qualcuno che si fa chiamare "Il Possessore dell'Assenza". La persona alla reception dovrebbe provare a convincerti che la persona che desideri visitare non è più lì, ma chiedi ugualmente di visitare la sua cella. A questo punto, il receptionist assumerà uno sguardo che potrà essere definito solo privo di emozioni. Il receptionist ti guiderà lungo un esteso muro con molte porte su ogni lato, finché non raggiungerai una porta di ferro con una finestra sbarrata su di essa. Apriranno la porta per te ma non ti guideranno oltre. Oltre la porta c'è oscurità, niente di più.
Mentre entrerai nell'oscurità, la porta si chiuderà sbattendo dietro di te. Sarai ora intrappolato e l'unico modo di procedere sarà andare avanti. Non sarai in grado di vedere il pavimento, il soffitto, o i muri. Sii cosciente, potresti dover camminare per un tempo molto lungo, probabilmente giorni. Mentre cammini, inizierai a sentirti freddo e vuoto dentro. Ti sentirai come se la tua anima avesse lasciato il tuo corpo come una conchiglia. A un certo punto potresti sentire un rumore di passi riecheggiare forte. Fermati immediatamente e aspetta. Se il rumore di passi non si ferma, dovrai sederti e aspettare che lo facciano. Se iniziano a diventare perfino più forti, morirai certamente di orrore inimmaginabile. Se il rumore di passi si ferma, dovrai procedere in avanti fino a trovare una nuova porta di ferro, illuminata da una luce dietro di essa. Aprila e entra all'interno.
All'interno la stanza sarà completamente scura. Solo un piccolo cerchio di luce sopra il pavimento potrà essere visto, acceso da una piccola candela. Dietro la luce ci sarà una sedia con un cappotto su di essa. Avvicinati alla sedia ma non sedertici, non importa per quanto tu abbia camminato. Aspetta finché la candela non abbia finito di bruciare. Quando l'avrà fatto, raggiungi la sedia e prendi il cappotto. La prima volta che sbatterai gli occhi dopo aver fatto questo, ti ritroverai davanti alla reception dell'istituto mentale o casa di cura. Cerca nella tasca interna di destra sul petto del cappotto e tirane fuori un foglio di carta bruciacchiato scritto di inchiostro rosso. NON leggere l'inchiostro o il Possessore dell'Assenza diverrà presente e ti distruggerà con impensabili dolori e angosce.
Questa carta è l'oggetto 39 di 538.
Fallo restare assente. Impedisci loro di tornare tutti insieme.
Il Possessore dell'Abbandonato In qualunque città, in qualunque paese, vai in un qualsiasi orfanotrofio o casa di cura alla quale puoi arrivare. Quando raggiungi il bancone, chiedi di visitare qualcuno che si fa chiamare Il possessore dell'Abbandonato. L'inserviente ti guarderà con occhi intrisi di solitudine e mestamente ti farà cenno di seguirla.
Ella ti guiderà attraverso un labirinto di corridoi. Non guardarti alle spalle e continua a camminare vicino a lei o ti perderai per sempre in questo labirinto.
Ti verrà mostrata una porta intaccata dal tempo. L'inserviente sparirà improvvisamente, lasciandoti solo al tuo destino. Apri la porta o ti smarrirai per sempre.
Dopo aver aperto la porta ti ritroverai in un labirinto di cespugli progressivamente sempre più appassiti. Segui il tuo istinto o rischierai di perderti in un'eternità di ponderazioni. Ascolta attentamente. Ogni passo che farai rintoccherà attraverso l'aria. Se il suono non si presentasse, fermati e non azzardarti a muoverti. Se udirai un ronzio urla forte: Vai via, non ho bisogno di te!. Se il ronzio persiste, corri, corri per la tua salvezza. Il tuo corpo, la tua mente, la tua stessa anima saranno in enorme pericolo. Non fermarti, non importa cosa potrai vedere o sentire. Se ti dovessero prendere loro ti dilanieranno per l'eternità con artigli affilati e sentirai ogni singolo male che affligge l'umanità. Se dovessi fuggir loro, considerati assistito da una fortuna che pochi possono vantare di avere.
Arrivato alla fine del labirinto ti ritroverai davanti ad un cancello d'oro; bussa una volta e si aprirà di colpo per te. Lentamente entra nel cortile. Al suo interno troverai un uomo affascinante vestito in modo elegante vagare senza lucidità. Chiedi ciò e soltanto ciò: Dove sono stati abbandonati?'.
Se l'uomo ti attaccherà, considerati ancora baciato dalla fortuna; non vedrai mai la fine di tutto ciò.
Se questo non dovesse succedere, allora l'uomo ti mostrerà... ti mostrerà ogni meandro nascosto, ogni cantina, ogni corpo, ogni folle, ogni maledetto luogo dove ogni oggetto è nato. Con molta probabilità impazzirai.
Qualora ciò non accadesse, allora sarai destinato a vedere gli eventi futuri fino alla fine. L'uomo nel frattempo sarà scomparso.
Troverai al suo posto una mappa ed un orologio rotto. L'orologio mostra quanto tempo ti rimane da vivere su questo pianeta. Puoi non prenderlo così da non sapere quanto tempo ti rimane.
La mappa è l'oggetto 40 di 538.
Usala o meno, ma le informazioni in essa contenute non le possiedi solo tu.
Il Possessore della Solitudine
In qualunque città, in qualunque paese, vai in un qualsiasi istituto mentale o casa di cura alla quale puoi arrivare. Quando arrivi devi tenere lo sguardo verso il basso: se guarderai da qualsiasi altra parte avrai già fallito. Arrivato alla reception chiedi di visitare uno che si fa chiamare “il possessore della solitudine”. Come le parole usciranno dalla tua bocca un grande gong suonerà facendo tremare la terra. Quando il suono finirà, potrai guardarti intorno.
Ti troverai in un vasto e malato deserto sotto uno strano cielo, troverai solo una fredda strada di pietra. Appena comprendi dove ti trovi, devi muoverti, loro sanno che sei qui. E a loro non piacciono gli stranieri.
Qualora le nuvole si addensassero e l'oscurità invadesse il tuo cammino verso l'orizzonte, dovresti chiudere gli occhi e inginocchiarti. Nessun mortale ha posato il suo sguardo su questi esseri. Mentre sei inginocchiato dovresti implorare: “Non ti conosco, e non ne ho intenzione. Ma il cammino è questo e lo devo seguire”. Dopo che avrai pronunciato queste parole, aspetta il loro giudizio. Se accettano la tua presenza li sentirai ritirarsi, se sceglieranno in altro modo, sappi che questo non era il tuo destino. Spera che terminino la tua vita velocemente.
Alla fine del tuo cammino ci sarà una colonna di ossidiana. Sulla cima si trova un gargouille che osserverà il tuo arrivo. Il gargouille si muoverà alla domanda “Chi perirà?”. Dette queste parole il gargouille scenderà e le sue ali ti ingoieranno nell'oscurità. Lì ti mostrerà che la vita degli umani è iniziata come stelle nell'oscurità e come tale vedrai la vita indebolirsi e morire. Per eoni vedrai la morte di chi è venuto prima e di chi verrà. Mentre li guarderai morire sentirai la loro solitudine, capendo come erano terribilmente separati l'uno dall'altro.
Questo continuerà fino a quando la tua sanità mentale sarà scomparsa o fino a quando una sola luce sarà rimasta. Quindi il gargouille dirà: “La tua fine non è mio compito rivelartela, e non è quello che cerchi”. Queste parole rimarranno nella tua testa fino a quando il tuo compito non sarà terminato. Chiudi un'altra volta i tuoi occhi per non guardare l'ultima luce, e il gargouille ti ingoierà. Appena chiuderai gli occhi ti sentirai come scagliato in un'altra dimensione, girando all'infinito sin quando il terreno solido sarà un vaga memoria. Il momento che verrai lanciato su un pavimento di roccia, sarà come nascere di nuovo, come ritornare sotto la luce dopo un'eternità di buio.
Quando aprirai di nuovo gli occhi e ti guarderai intorno, ti ritroverai in una gigantesca e decadente sala da ballo, il pavimento di marmo sarà coperto di foglie morte. In fondo alla stanza vedrai una luce chiamarti. Come ti avvicinerai farai sì che qualcosa esca dal muro: è uno scudo scuro, decorato con macabri simboli, simboli che sembrano vivi e pulsanti. Basta toglierlo dal muro per reclamarlo.
Nel momento in cui lo toglierai dal muro, verrai trasportato davanti alla scrivania dove l'inserviente ti fisserà intensamente. Lei sa cos'hai iniziato e per questo ti odia.
Quello scudo è l'oggetto numero 41 di 538.
Prega che ti possa proteggere da quello che sta per arrivare.
Il Possessore della Stella
In ogni città, in ogni paese, vai in un qualsiasi istituto mentale o ospedale e chiedi al bancone principale di visitare colui che si fa chiamare il "Possessore della Stella". L'impiegato ti fisserà negli occhi con un compiaciuto sguardo di disprezzo per diversi secondi. Se egli non vedrà la risoluzione del tuo cuore nei tuoi occhi, riderà con arroganza. Se dovesse farlo, scappa, o delle guardie ti prenderanno e ti chiuderanno in una stretta cella in cui sentirai la risata di un uomo in sonno e in veglia fino a quando vivrai. Se vedrà la determinazione nei tuoi occhi, si alzerà e ti guiderà lungo un corridoio. Si fermerà alla porta di una cella e ti darà la chiave, senza dire nulla per poi camminare ancora. Con la chiave in mano, prendi la maniglia e abbassala lentamente; non è chiusa a chiave.
Invece di una cella, dietro la porta, c'è una sala poco illuminata. Entra nel corridoio e chiudi a chiave la porta dietro di te. Mentre camminerai lungo questo corridoio, sentirai le risate di alcuni bambini che giocano, misti a toccanti canti di monaci stranieri. Presto le risate si trasformeranno in delle urla e i canti in maledizioni. Finché sentirai questi terribili rumori sarai al sicuro, ma se il tuo coraggio dovesse barcollare e la minima paura avrà il sopravvento in questo corridoio, i suoni si fermeranno. Appena ciò accadrà, chiudi gli occhi e prega l'orribile creatura che si è appena svegliata di prendere la tua vita in un sol boccone. Se sopravvivi al corridoio, raggiungi una piccola porta chiusa. Le luci si offuscheranno intorno a te finché tutto ciò che potrai vedere sarà la porta. Quando tutto è buio usa la chiave che ti è stata data e sblocca la porta. Entra nella porta dentro una piccola e buia cella. Nella cella c'è un uomo incappucciato in una veste rossa. Reggerà una candela e terrà gli occhi chiusi mentre canterà. Siede nel mezzo di un pentacolo disegnato in un luminoso rosso sangue. Il fetore che produce ti farà coprire la faccia, ma non osare fare altro. Davanti all'uomo c'è una pietra che brucia. Non guardare la pietra direttamente per troppo tempo o il suo calore avvolgerà la tua mente e manderà il tuo corpo in un'ardente eternità. Invece, fissa la candela e ascolta il vecchio uomo.
Egli risponderà ad una sola domanda: "Cosa deve essere fatto per completare i loro compiti?". L'uomo smetterà di cantare e ti dirà cinque nomi e cinque domande. Ti informerà che devi imparare da solo quale va collegato all'altro. Poi intingerà il suo indice nel sangue del pentacolo e disegnerà sul muro una formula. Una Chiave, più un Libro, più una Penna d'Oca, più una Parola scritta in un modo illeggibile, e che producono un libro aperto con tre ovali disegnati intorno ad esso. Inizierà a ridacchiare e ritornerà a sedersi al suo posto. Ti indicherà la pietra che brucia ancora e da dietro alla sua veste, tirerà fuori un cuore che batte ancora. Con tutta la tua forza, schiaccia l'organo finché esso non tremerà più. Dentro alla poltiglia troverai un'antica stilografica. Quando tornerai a guardare, troverai l'uomo morto, con uno sguardo sereno sul suo viso. Rendi a questo uomo l'onore finale di chiudere i suoi eterni occhi e lascia la stanza. L'oscurità ti avvolgerà e, quando ti lascerà, ti ritroverai fuori dall'ospedale.
Scoprirai che alla penna non servirà una ricarica del suo inchiostro rosso. Grazie all'inchiostro che non termina mai, capirai che è il tuo sangue che scorre attraverso la penna. Dovessi permettere a quest'Oggetto di venire distrutto, un'orribile, lenta morte cadrà su di te. Mentre tieni questo oggetto, sentirai dei canti sussurrati nel fondo della tua mente finché morirai o eseguirai i loro ordini.
Questa penna è l'Oggetto numero 42 di 538.
Vuole che tu scriva nel tomo maledetto con il tuo stesso sangue. Fare ciò è folle. Sta a te scegliere di continuare la loro opera o distruggere l'opportunità degli Oggetti di riunirsi.
Il Possessore della Terra
In qualunque città, in qualunque paese, vai in un qualsiasi istituto mentale o casa di cura alla quale puoi arrivare. Quando raggiungerai la reception, chiedi di visitare colui che si fa chiamare "Il Possessore della Terra. L'inserviente inizierà a ridere ad alta voce, richiamando l'attenzione di un suo collega. Il primo resterà seduto, ma la persona che è stata attratta dalle risate ti chiamerà. Non chiedergli nulla mentre ti conduce ad un armadio di scope inutilizzato nelle profondità del manicomio.
Ti aprirà la porta e aspetterà che entri per primo: non farlo, o le scale dentro la porta scompariranno e precipiterai nell'infinita e gelida oscurità. Invece, digli: "Non oserei vedere questi luoghi prima di voi". Se ti crede, annuirà leggermente ed entrerà: dovrai seguirlo. Se non lo fa, prega di essere abbastanza in profondità per non far sentire le tue urla.
Mentre scenderai, sentirai urla bestiali da ogni luogo, ma soprattutto sopra di te. Tieni gli occhi fissi sull'oscurità sotto i tuoi piedi (l'uomo sarà scomparso nel buio, ma sarai in grado di percepire che non sei solo). Non dovrai guardare mai il soffitto, o i demoni dell'inferno discenderanno su di te e ti strapperanno la carne dalle ossa, consumeranno il tuo sangue e taglieranno i tuoi muscoli e tendini in un istante.
Quando scenderai più in basso, l'atmosfera diventerà sempre più cupa, quasi da cimitero e sarai ancora capace di poter sentire le urla demoniache da sopra, come se ci fosse un soffitto senza fine. Devi riuscire in ogni modo a non guardare in alto. Dopo un lasso di tempo quasi infinito, i tuoi piedi toccheranno un terreno solido e morbido, di nuovo.
Se i demoni dalla tromba delle scale smettessero di urlare, non vivrai abbastanza per vedere il terreno. Se, invece, continueranno, avrai l'occasione di fare una sola domanda e l'Oscurità ti risponderà. Chiedi con fermezza "Come possono essere fermati?".
Una volta fatto, lamenti orribili emergeranno dal sottosuolo, ma sarai ancora in grado di sentire la terra sotto i tuoi piedi. Riuscirai a percepire la presenza dell’uomo che ti ha portato in questo luogo. I suoi occhi ti trafiggeranno, anche se non riuscirai a vederli. Non dovrai mai guardare in basso o esitare nel guardare l’Oscurità davanti a te.
I lamenti continueranno, senza parole in un primo momento, ma una forte voce maschile li porterà a parlare all'unisono. Ti diranno cosa può impedire agli oggetti di potersi riunire, ma il compitò avrà delle conseguenze. Ti diranno della pioggia di fuoco dal cielo, del fiume di sangue, del tuo sangue e altro ancora.
Terminata la serie di conseguenze, le luci torneranno improvvisamente. L’uomo che ti ha condotto in quel luogo è scomparso. Al suo posto ci sarà un oggetto che non potrai vedere, per preservare la tua salute mentale. È necessario chiudere gli occhi prima che le luci si accendano e girare alla cieca toccando il suolo, finché non sentirai un oggetto caldo e ruvido.
Se non li chiuderai, noterai che il pavimento è costituito da: cadaveri sventrati, privi di occhi, ma capaci di respirare. Se guarderai lo spettacolo senza diventare folle, diventerai uno di loro, unendoti al terreno infernale.
Se riesci a prendere l’oggetto con successo, però, sarai trasportato all’esterno del manicomio, dove potrai riaprire gli occhi.
La pietra vulcanica è l’Oggetto 43 di 538.
Anche se sai come evitare che gli oggetti si ricongiungano, non sarai in grado di impedirlo.
Il Possessore della Guerra
In qualunque città, in qualunque paese, vai in un qualsiasi istituto mentale o casa di cura alla quale puoi arrivare. Fissa il soffitto con aria annoiata mentre cammini verso la reception e, con una voce che sembri provenire dall’altra parte del mondo, chiedi di vedere “Il possessore della Guerra”. Riceverai un leggero tocco sulla spalla; da adesso ti è possibile guardare in sicurezza. Il guardiano sorriderà educatamente e comincerà a camminare, dandoti nel frattempo una descrizione del manicomio che potrebbe sembrarti quasi meccanica. Non reagire al suo discorso, è molto cruento e pieno di descrizioni piuttosto grafiche, ma una reazione in questo momento rappresenterebbe un viaggio di sola andata per l’inferno.
Dopo un po’ di tempo a camminare, arriverai ad una porta in mogano e oro elaboratamente intagliata. Fermati di fronte ad essa. Mantieni la tua espressione annoiata, possibilmente aggiungendovi un vuoto sorriso, ma non reagire mentre il custode prenderà il retro della tua maglia o cambierà la sua presa e ti ritroverai senza testa. Il guardiano ti spingerà attraverso la porta e la sentirai sbattere dietro di te. Sei su ciò che potrebbe essere stato un terreno fertile ma che adesso è uno sterminato, distrutto campo di battaglia. Soldati sono vestiti di due colori, orribilmente luminosi, ma in qualche modo colorati di bianco e di uno sporco, nauseabondo nero; si combattono nella maniera più cruenta possibile, combattono con fucili, cannoni, spade, archi, tutte le armi da guerra che sono esistite dall’alba dei tempi.
Non scappare dal campo di battaglia o i soldati ti noteranno, fermeranno le loro liti e si gireranno verso di te con un odio famelico: per loro tu sei ciò per cui stanno combattendo e nelle loro malate, folli menti, questo significa che tu sei la causa di tutto il loro spargimento di sangue. Non provare neanche a tornare verso la porta. È caduta dritta nel fango, spinta da un urlante soldato munito di baionetta. Se lascerai che abbia la meglio su di te, ti farà a pezzi in pochi secondi, ma in qualche modo non ti ucciderà. Il dolore di quest’esperienza farà senza dubbio impazzire ciò che rimane della tua mente.
Invece, abbandona la tua espressione annoiata e usane, al contrario, una truce e determinata. Cammina con uno stile che s'addice ad un militare, passo dopo passo, fino ad arrivare ad una struttura alta tre piani di cemento armato che una volta è stato un bunker di comando. Non guardarti intorno mentre lo fai; un'armata di blindati è arrivata sul campo, e se ti fermi o cambi ritmo, i carrarmati ti investiranno.
Una volta entrato nel bunker, non dar retta a nessuno che chiede di te o prova a parlarti, non importa quanto possano sembrarti disperati. Tutti loro pensano che tu sia il nemico e nel momento in cui rispondi, sarai ricompensato con una coltellata in faccia. Piuttosto, sali le scale che hai davanti, fino al secondo piano del bunker. Mentre sali le scale, si sentirà uno scoppio dietro di te: è la guarnizione della porta anti-incendio, esplosa per gli attacchi di un lanciafiamme. Al secondo piano, c’è solo un uomo, seduto alla scrivania, che urla ad un telefono. Le scale che portano al terzo piano sono una massa di cemento attorcigliato. L’uomo alla scrivania veste le stelle di un generale, ma non sembra notare che il telefono, così come tutto su quel piano, è morto. Avvicinati, saluta, e con la tua miglior voce militare, urla “SIGNORE!” e lui si girerà di scatto per poi fissarti. Se pensa che non sei di alcun aiuto al suo esercito, ti smantellerà con le sue stesse mani e ti unirai a lui nella sua imminente morte. Se invece crederà in te, annuirà e continuerà a fissarti, puntato su di te. Non ama i perditempo, quindi fai veloce la tua domanda. L’unica domanda a cui risponderà è: “Dove devo andare, Signore?” Te lo dirà. Te lo dirà in modo così dettagliato, così orribilmente dettagliato, che sarai tentato di strangolarlo. Non provarci, è un lottatore con molta più esperienza di quanto tu possa mai sperare di avere e se provi a rompere il saluto, andrai in contro ad una disfatta estremamente imbarazzante. Quando ha finito, ti dirà “riposo”, e ti affiderà la sua pistola. È questo il momento per rompere il saluto. Prendi la pistola per il calcio e mettila nella fondina, se prima non l’avevi, adesso ce l’hai.
Un'esplosione improvvisa distruggerà la parete di fondo e atomizzerà il generale. Attraverso il buco vedrai, all’orizzonte, la lunga, sottile forma di un missile in arrivo. Chiudi gli occhi e non riaprirli per niente al mondo. Il suono della battaglia svanirà lentamente solo quando, dal silenzio, si leverà un singolo colpo di pistola. Apri gli occhi. Sei in piedi nel mezzo di un campo di grano mosso dal vento. In qualche modo, sai che questo è il luogo nel quale l’orrenda battaglia in cui stavi camminando prenderà posto. E tu sai anche, in qualche modo, che sarai al posto del generale.
La pistola che ti ha affidato è l'Oggetto 44 di 538.
Impara ad usarlo, ha ancora un caricatore rimasto. Se riesci a sparare l’ultimo colpo al momento giusto, eviterai il destino del generale. Se non ci riesci, ti unirai a lui.
Il Possessore della Pace
In qualunque città, in qualunque paese, vai in un qualsiasi istituto mentale o casa di cura alla quale puoi arrivare. Assalta la reception con fare arrabbiato e chiedi di vedere la persona che si fa chiamare “Il Possessore della Pace” immediatamente. L’inserviente ti risponderà e ti chiederà di parlare a bassa voce. Non assecondare la sua richiesta; parla più forte, è la rabbia della tua voce che tiene bloccate le catene della porta dietro il bancone.
Conserva la rabbia nella tua voce, l’inserviente si abbasserà al di sotto del bancone e punterà col suo dito tremante verso il fondo di un corridoio sulla destra che prima non era lì. Girati immediatamente e percorri la sala sbattendo i piedi. Non voltare le spalle o l’inserviente ti prenderà – e lo farà –, indietreggerà e casualmente toglierà il lucchetto alla porta dietro di lui.
Cammina fino a trovare una bellissima porta intarsiata con un disegno in madre perla. Spalancala, ma togli immediatamente l’espressione arrabbiata dalla tua faccia, coloro che sono all’interno della stanza non apprezzano tale rabbia.
Con aspetto sereno sulla faccia, entra. Sei in un bellissimo tempio all’aria aperta, con l’edera che si arrotola lungo i pilastri marmorei e stupendi mosaici che adornano le pareti. La porta si chiuderà dietro di te. Non provare ad aprirla, non si aprirà mai, e i monaci nelle loro vesti marroni che vedi girovagare faranno di tutto per farti restare, anche se ciò dovesse significare la tua morte.
Guardati intorno. Non importa quale lingua parli, la parlano anche i monaci. Sono amichevoli e tutti loro vorranno chiacchierare, ma rifiuta educatamente. Di' loro che devi parlare con il Capo dell’Ordine.
In questo modo sarai indirizzato verso un uomo seduto davanti ad una scacchiera, l’abate del tempio. La figura accanto a lui è incappucciata e indossa un’arma. Non provare a parlare alla figura incappucciata o la tua morte sarà ben più lontana dalla peggiore delle visioni dell’inferno che la mente umana possa evocare. Invece, girati verso l’uomo nelle ora più familiari vesti marroni. Il gioco è ad una mossa dallo scacco matto.
Inchinati, e chiedi gentilmente, “Perché si riuniscono, Padre?”.
Aprirà la sua bocca come per parlare. Ma la figura accanto a lui lancerà un ululato demoniaco di rabbia ed estrarrà la spada. È di ottima fattura, ma sembra in qualche modo impregnata di un qualche male impensabile. Con un urlo, la figura ti calcerà a terra e comincerà ad uccidere sistematicamente gli altri monaci. Proveranno a combattere, ma hanno solo bastoni, e la spada che lo spadaccino pazzo brandisce è così affilata da tagliare i pilastri come un coltello affetta il burro.
Mentre osservi la scena, l’abate farà l’ultima mossa nel gioco. L’uomo nell’armatura girerà intorno, e poi correrà verso di te con la spada alzata.
Se sei stato sgarbato o hai fato qualcosa di sbagliato, sarai lacerato fino al livello atomico dalla lama della spada, e il dolore non cesserà mai. D’altro canto, se sei stato educato, l’abate arriverà di fronte a te e piazzerà il re nero dritto nell’occhio del guerriero.
Non prestare attenzione e non provare simpatia mentre cade al suolo, urlante, o l’abate si girerà e ti farà lo stesso usando il re bianco. Invece, presta attenzione all’abate, che è adesso girato verso di te per affrontarti.
Ti racconterà perché si riuniscono. È una lunga storia, piena a sufficienza di spargimenti di sangue e orrori che potrebbero far collassare la tua mente. Ma se sopravvivi al racconto, arriverà sotto al tavolo con la scacchiera e ti darà un fodero ingioiellato e intarsiato in oro. Nonostante non l’abbia mai visto prima, sai istintivamente che corrisponde alla spada che il guerriero brandiva un momento fa. Non esitare, prendilo, allontanati, alza la spada del pazzo da terra, puliscila, e rinfoderala. Legatela alla cintura meglio che puoi, ne avrai bisogno.
Fai per andartene, ma prima che sia in grado di allontanarti, il buon Padre ti fermerà e con un gesto indicherà, l’ormai non più incappucciata, faccia del guerriero. Era bello, ma non prestar attenzione a ciò. L’unica cosa su cui dovresti concentrarti è il fatto che il re nero è sparito. Guarda l’abate che asserendo dirà una parola: “Regicidio”.
Un raggio di luce ti accecherà e quando la tua vista sarà tornata ti troverai in piedi sul bordo del marciapiede due isolati a sud del manicomio. Fai un passo indietro sul marciapiede, non vuoi avere un incidente.
La spada che adesso brandisci una volta appartenne al re bianco ed è l'Oggetto numero 45 di 538.
Il Re Nero sta scappando dalla scena del suo assassinio e la spada del Re Bianco brama vendetta.
Il Possessore dello Specchio
In qualunque città, in ogni paese nel mondo, vai in un qualsiasi istituto mentale o ospedale e chiedi all'inserviente del "Possessore dello Specchio". L'inserviente ti guarderà con uno sguardo strano, come se stessi parlando in una lingua diversa. Chiedi di nuovo, finché egli infine capirà e ti condurrà nel profondo dell'istituto senza dire una parola.
Ti condurrà verso una piana porta in ferro, la aprirà e ti farà segno di entrare nel corridoio oltre di essa. Egli rimarrà dietro, senza proferire parola, senza alcun contatto visivo con te. Una volta che la porta si chiuderà dietro di te, il corridoio sarà illuminato da una luce eterea, per rivelare che i muri del corridoio sono in realtà specchi. I riflessi si estenderanno fino all'infinito da qualunque lato, ma nessuno di questi mostra il tuo riflesso; essi mostrano i riflessi di quelli venuti prima di te. Ogni riflesso mostra un altro tizio che ha cercato il Possessore, ognuno mostra come sono morti. Prova a non guardare nelle loro facce mentre la bestia li divora; prova a non guardare affatto, cammina soltanto dritto in avanti. Se guarderai, le bestie nei riflessi ti vedranno e verranno da te.
Se mai la luce dovesse iniziare a offuscarsi, se inizi a perdere la tua via nell'oscurità, chiudi gli occhi e di' fermamente, senza paura: "Quelli che cerchi sono andati prima". Se la luce ritorna sei fortunato e le creature che ti inseguivano ti lasceranno da solo. Se dovesse oscurarsi, non correre. Scappare sarebbe inutile, come pregare per una morte rapida. Essi ti cattureranno e le tua fine si estenderà per l'eternità.
Alla fine del corridoio incredibilmente lungo, troverai un'altra porta, con delle luci calde attorno ai suoi bordi. Bussa sulla porta e ti sarà concesso di entrare. Ferma nel centro della stanza ottagonale ci sarà una figura, una sagoma appena accennata nella penombra della stanza.
Egli non ti presterà attenzione finché non gli chiederai: "Che cosa riflettono?". Qualunque altra domanda e lui riempirà ogni tuo poro con un migliaio di aghi, scuoiando la tua pelle e lasciandola volare come il sale al vento, mentre lui tortura la tua mente fino a portarti nella follia, assicurandosi che tu viva per sempre con lui nella camera, appena un accenno di quello che un tempo eri. Ogni momento della tua esistenza sarà una folle agonia.
Se gli porrai la giusta domanda, tuttavia, lui ti risponderà, in dettagli che ti faranno venire i brividi alle ossa e tramutare il tuo cuore in pietra. Ti dirà cosa significa Possessore, perché loro esistono e cosa avverrà.
Dopo che ti dirà ciò, egli entrerà nella tua visuale, rivelando chi è. Vedrai te stesso, eccetto per il fatto che invece degli occhi il tuo doppio avrà dei luminosi specchi d'argento nelle sue orbite. Mentre guardi, incapace di muoverti per l'orrore, la tua copia tirerà fuori uno dei suoi specchi, col sangue che schizzerà denso e veloce.
Darai a te stesso il frammento insanguinato, per poi trovarti fuori dall'istituto.
Lo specchio insanguinato è l'Oggetto numero 46 di 538.
Esso rifletterà quello che è stato e quello che sarà.
Il Possessore del Fiore
In qualunque città, in ogni paese nel mondo, vai in una qualsiasi locanda, motel o un posto qualunque in cui riposare; trova semplicemente un letto che sia abbastanza comodo per i tuoi gusti. Quindi addormentati, e dormi per un po’. Dovresti sognare, poi sarai pronto per questo compito. Sennò, il tuo successo fino ad ora è stato solo fortuna, e prega, prega di non svegliarti mai. Perché gli oggetti che hai non saranno più tuoi e i loro Possessori li vorranno indietro.
Nel tuo sogno vedrai un giardino con un design meraviglioso, fontane d’acqua fresca e fiori rari che brillano nella nebbia. Qui dovresti riposare e preparare te stesso; hai eoni di tempo per farlo tra l’ombra e la frescura. Quando sei pronto, cerca nel giardino fino ad arrivare presso un tavolo dove una bella ragazza siede aspettando te. Ti farà gesto di sederti alla sua sinistra; le piaci, e ha un lavoro per te da completare. Senza parole o gesti, ti dirà di cercare il suo fiore nel suo giardino. Sei nel suo regno; sarà meglio obbedirle.
Lei manterrà segreta la descrizione del fiore; ti sta mettendo alla prova, dopotutto. Se sei destinato al tuo ruolo, o se continui ad aver fortuna, arriverai a due alberi intrecciati, ognuno dei quali produce un fiore diverso. Scegli saggiamente, poiché se offendi la tua accompagnatrice sarebbe consigliabile che tu spacchi il cranio contro le rocce piuttosto che affrontare il suo malcontento. Se scegli il fiore giusto, semplicemente torna al tavolo, e porgilo a lei. Sorriderà e ti darà un bacio sulla guancia dicendo, “Ero anche io una Cercatrice una volta; sii consapevole del tuo destino.” Mentre fa per andarsene, vedrai la sua schiena percossa e mutilata da fuoco, denti, e cose che la tua mente non può sperare di comprendere. Seguila nella sua casa e non aver paura. Non vuole farti del male; capisce il senso del tuo viaggio. Ti fermerai all’entrata della casa e lei aprirà la porta per te con queste ultime parole: “Ti lascerò andare liberamente se mi prometti una cosa: se il tuo viaggio dovesse portarti di nuovo qui, ti chiedo di finirmi. Se infrangi la mia promessa, il sonno non sarà più un luogo sicuro per te.” Con questo, ti spingerà gentilmente fuori dalla casa e di nuovo nel regno del risveglio. Ti troverai nella stanza e dalla coda dell’occhio vedrai qualcosa infilato sotto la porta. È un involucro contenente un petalo di fiore.
Il petalo è Oggetto 47 di 538. Lei è tua alleata, ma manterrai la promessa?
submitted by Francesc20 to theholderseriesITA [link] [comments]


2020.02.08 19:54 promisetonot [serios] Diagnostic pentru autism

E o discutie care ar trebui purtata doar cu un specialist, dar mi-e teama sa nu fabulez si sa nu exagerez cu convingerile mele, asa ca va cer sfatul, privind din exterior.
In adolescenta rascoleam internetul ca sa-mi dau seama singura de ce am fost un copil cu o dezvoltare lenta din aproape toate punctele de vedere: am rostit primele cuvinte tarziu, cu greu am deprins abilitati banale (nu ma imbracam singura, nu puteam merge pe bicicleta sau nu puteam sa practic niciun sport din cauza ca nu-mi puteam coordona miscarile, nu invatam usor regulile de politete etc). Intelegeam cu dificultate notiunile elementare din clasele primare si aveam nevoie de ajutor la teme aproape permanent (imi amintesc ca nu intelegeam nici macar diferenta dintre un caiet de matematica si unul dictando - de fiecare data ma ajuta invatatoarea sa scot din ghiozdan caietul potrivit pentru ora respectiva, singura nu puteam face diferenta).
Ceea ce mi-a dat cele mai mari batai de cap insa a fost neputinta de a deprinde orice fel de abilitate sociala. In perioada gradinitei, am fost un copil foarte retras si dificil: refuzam sa comunic de multe ori, reactionam urat daca ma obligau parintii sa interactionez cu oamenii si plangeam foarte des, in mare parte din cauza ca simteam ca adultii din jur nu aveau rabdare cu mine si multi ridicau tonul, fie ei parinti sau profesori. Pe langa asta, mi se parea greu sa-mi fac prieteni chiar si la vremea aceea - imi amintesc destul de clar ca deseori stateam izolata in banca mea sau ma jucam singura, asa cum preferam sa fac acasa.
Gandindu-ma la tiparul de comportament pe care il aveam cand eram mica, n-am putut ajunge la alta concluzie decat ca sufar de autism sau de sindromul Asperger. Am incercat sa aduc in discutie banuiala asta la sedintele de terapie la care merg de cateva luni bune, dar am renuntat imediat cand mi-am dat seama ca psihoterapeutul pare ca respinge ideea.
Imi e groaznic de rusine de evolutia lenta pe care am avut-o si m-am simtit de multe ori un copil special, dar in sensul negativ al cuvantului. Mi-e frica sa nu para ca-mi pun diagnostic singura sau ca sunt alta persoana care isi atribuie de capul ei boli serioase, asa ca m-ar ajuta un sfat sau o parere, fie ea si neavizata, legata de subiect.
TLDR: am fost exagerat de retrasa inca de la 3-4 ani, desi am copilarit intr-o familie normala.
Ar trebui sa vorbesc cu un alt specialist? Manifestarile neobisnuite (zic eu) de mai sus ar putea avea alte cauze?
submitted by promisetonot to Romania [link] [comments]


2019.10.21 23:05 federicoccia Diario di viaggio: Pagina 1

Una volta venuto a conoscenza della situazione mi misi subito in viaggio. Partii con un po di rimorso nel cuore ma tanta determinazione, dovevo riuscire a portare a termine la mia missione a qualunque costo. Dopo giorni di cammino mi trovai dinnanzi ad un deserto piuttosto vasto, ma nulla che non avessi gia visto ed affrontato, giunto al limitare di questa distesa arida mi si paró davanti una catena montuosa, imponente ed impervia, un luogo fin troppo freddo per i miei gusti e le mie abitudini. Deciso a proseguire mi feci strada, iniziai a salire e scalare con il freddo e la fame come unici compagni di viaggio, fortunatamente la montagna non era popolata se non da qualche animale, che cacciai per sostentamento. Una volta giunto quasi sull'altro versante decisi infine di fermarmi a riposare stremato e ripensai a come successe tutto cosí in fretta... dinuovo, il giorno prima ti trovi al faló insieme alla tua gente, il giorno dopo strane armi si materializzano nelle tue mani e vieni mandato in missione alla ricerca di una soluzione per un mistero che va ben oltre il mortale; una volta messa a bada la mia titubanza mi decisi che ero l'unico a potercela fare emi addormentai.
Il giorno seguente finalmente arrivai alla prima cittá utile, Joaquinland. Chiesi ai passanti e tutti mi diedero la medesima risposta, il sindaco; era il sindaco la persona che poteva darmi le informazioni che cercavo. Una volta giunto al cospetto dell'edificio centrale della cittá peró non trovai il sindaco bensí un piccolo individuo di nome Marcus che mi notó nonostante i miei sforzi fatti per passare inosservato, ed insieme a me anche un uomo mezzo drago di nome Viserion e un uomo alto e blu di nome Trivaz, non so molto su di loro se non che il secondo proviene dalla palude di questa regione.
In men che non si dice ci trovammo sulla strada per la vicina foresta di Nahran per conto di Marcus che non ci avrebbe fornito informazioni se non in cambio di un nostro sopralluogo, dopo qualche ora di cammino trovammo la foresta, calma e tranquilla ad un primo sguardo. Una volta addentratici nella vegetazione trovammo un'altra creatura che non faceva che rendere il nostro gruppo ancora piu strano, Myravis una druida centauro a guardia della foresta. Scambiate due parole fummo subito attaccati da strane creature di forma animale ma di dimensioni decisamente inusuali, riuscimmo a sconfiggerle quando ad un tratto.. esseri di forma umanoide ma ricoperti di radici ci attaccarono, erano ovunque e noi eravamo circondati, quindi ci vedemmo costretti ad abbandonare la foresta con grande rimorso di myravis. Appena tornati in cittá ci recammo da Marcus in cerca di spiegazioni e lui come da parola data ci accontentó, finalmente avevo una pista da seguire, un obiettivo. Dopo aver pernottato alla locanda cittadina iniziarono gli avvenimenti che definire inusuali sarebbe riduttivo anche per un viaggiatore come me, ci trovammo ad avere a che fare con creature strane...magiche, si presentarono a noi sotto forma di mercanti ma non ottenemmo da loro nulla piu che qualche informazione vaga. Io mi recai anche dal fabbro della cittá alla ricerca di un arco lungo, che era purtroppo fuori dalle mie finanze quindi pensai di chiedere a Marcus dei soldi in cambio di qualche favore, ma di lui non c'era ormai piu traccia; il suo ufficio era inaccessibile e non rispondeva a nessun tentativo da parte nostra di chiamarlo ed avere udienza.
L'ufficio del sindaco si era ormai trasforma anch'esso in una specie di trappola magica dalla quale ci si trovava impossibilitati a raggiungere la stanza del sindaco stesso. Dopo svarianti tentativi fummo divisi da questo strano labirinto intriso di magia ed inganno, e una volta tornati all'esterno... una scena apocalittica, il cielo si era fatto scuro e le persone erano sparite, al loro posto vi erano solo macerie di quella che una volta era la cittá ed una fila, la solita interminabile fila per l'ufficio del sindaco, un'usanza radicata ormai nella cultura della cittá a quanto pare, una procedura sacra e dalle regole ferree; solo che questa volta al posto degli abitanti e del fastidioso marinaio con cui avemmo a che fare il giorno prima c'erano dinuovo loro, gli uomini radice. preso coscienza del fatto che non vi era alcun modo di venire a capo della faccenda se non quello di stare alle regole del gioco vi trovammo costretti a fare una sola cosa.. metterci in fila. E cosí la fila proseguí lenta ma inesorabile, finché arrivo il nostro turno, ma una volta entrati quello che ci trovammo davanti era una scena macabra e ripugnante, gli abitanti della cittá ormai trasformati in radici stavano entrando in quello che era un grosso calderone, attorno al quale tre strege stavano mescolando i resti ormai liquefatti degli sventurati caduti vittime del loro sortilegio; le stesse tre vecchie che dai racconti di Trivaz e Myvaris avevano importunato quest'ultima appena poche ore prima durante la fila per il sindaco, ma che ora avevano un aspetto raggrinzito e mostruoso. senza pensarci troppo ci gettammo contro di loro per fermare questo rituale disumano e crudele, e riuscimmo ad evitare che Marcus o quello che rimaneva di lui finisse vittima delle tre streghe e dopo una lunga battaglia uscimmo vincitori.
Ripulita la cittá dall'influenza malvagia di quelle creature purtroppo nulla tornó come prima, nemmeno Marcus che rimase avvolto da radici e riuscii ad emettere solo qualche suono prima di tacere per sempre, il piccolo uomo decise infatti di farmi un ultimo regalo, l' arco lungo del negozio. Siamo vicini alla risoluzione dell'enigma che avvolge qesta cittá ed il suo recente passato, aiutati forse da una visione che Trivaz ha avuto dall'anima del sindaco contenuta nel calderone delle streghe ci guardiamo intorno in cerca degli ultimi indizi.
submitted by federicoccia to Gods_of_Arica [link] [comments]


2018.10.24 12:54 Wongfeihong [Memorie di un Viaggio] Varsavia e Kiev. Tra Comunismo, la ggggente, atterraggio d'emergenza... e anche quella cosetta che piace a tanti.

Immagino che con il titolo clickbait ho attirato l'attenzione di tanti. Si sa no? Tira piu' un PDF che un carro di buoi.

Un ex collega si fara' un week end a Varsavia. Devo prendere delle ferie, decidiamo di vederci direttamente la'. Dovendo prendere piu' giorni vado su Skyscanner con partenza dalla capitale polacca. Kiev per 30USD. Mi organizzo il ritorno a Dublino. Prezzo fattibile, si va.

Varsavia Modlin via Ryanair. Aeroporto del cazzo minuscolo, il bus per la capitale e' pieno e il prossimo e' troppo piu' in la'. Prendo il bus per la stazione dei treni e biglietto treno per Varsavia.
Poche indicazioni, salgo su un treno con un display che dice Warszawa. Per essere totalmente sicuro chiedo alla tizia che sta pulendo le carrozze dicendo solo "Warszava??" e lei annuisce sorridendo.
Mi siedo. Il treno parte dopo quasi 30 mins di attesa. Cazzo facevo prima prendendo il Modlin Bus che partiva dopo. Vabbe'.

Scendo a Warszava Centralna. La stazione e' vicina al Palazzo di Cultura e Scienze. Uno dei simboli della citta'. Sto palazzone costruito dai sovietici come regalo alla citta'. A me pare tipo la torre con l'occhio di Sauron che sovrasta tutto e dice "voi siete parte della gloriosa USSR".
La' a fianco c'e' un Tourist Office. Compro la Warsaw Card + trasporto pubblico. Una combo utilissima che consiglio. Come extra puoi avere anche il Hop on Hop off tour bus a gratis o un concerto di Chopin. La tizia non me lo dice, ma io lo sapevo. Stava per darmi il bus, scelgo il concerto.

Via di google maps, prendo il tram e vado all'Air Bnb. Zona "Praga". Arrivo e c'e' un centro commerciale vicino per ogni bisogno. Il monolocale e' minuscolo e sono solo, mi sta bene. Airbnb fila tutto liscio.

Si va a esplorare la citta'. Sono arrivati i soldi da qualche tempo e si vede. Intorno al Palazzo di Cultura e Scienze svettano dei grattacieli in vetro di alberghi, compagnie e finanza. JP Morgan. Marriott. So ssoldi.
Inoltre non sono rari vedere i manifesti del partito PIS in giro. MMhhh... mejo che me faccio i cazzi miei.

Vado al "centro" al palazzo reale (ricostruito dopo un bombardamento). Una free guide inglese spiega al suo gruppo. Leggo la pin dove dice "join us for free". Scrocco la spiegazione e me ne vado la' intorno da solo.

Il centro e' raccolto e con stradine. Bellino. Sembra strano pero', ha architettura vecchia ma non sembra antico. Leggero' dopo che infatti e' stato ricostruito dopo la WWII.

Qua inizia la prima "realizazzione". La warsaw pass da' accesso, gratuito o scontato, a varie attrazioni. Nel centro storico si entra al Museo della citta' di Varsavia a gratis. Vado.

A scuola parliamo di WWII, ti dicono che c'era quello coi baffetti che era il cattivo cattivo ed e' tutta colpa sua e basta e l'olocausto e' solo colpa sua ed e' cattivissimo.. Poi noi avevamo uno con la mascella ma abbaiava solamente e era innocuo. Poi c'e' stata la bomba atomica e hanno deciso di finire la guerra. "Facile no? Nessuna domanda, non ragionate, ciao".

Varsavia e' stata ricostruita da quasi zero. La guerra e' iniziata qua. Il ghetto ebraico. Tanti, tanti morti. Ok.

Un particolare light e' che la prima pizzeria apri' nei primi anni 90 (o 80 non sono sicuro). E' incredibile... probabilmente persino in Thailandia hanno avuto una pizzeria prima dei polacchi.

Concerto di Chopin in una saletta privata, eravamo max in 20. Con sorriso dico che la meta' erano asiatici.
Poi il Copernicus center che e' un museo della scienza interattivo adatto ai bambini. Il planetario assai fighino con immersione video.

Tutto costava abbastanza poco ma non stracciato. Uber funziona alla grande. I pierogi sono sublimi.

Il museo della Vita durante il Comunismo e' interessante. Alla fine e' una sala, con reperti dell'epoca. Hanno ricostruito all interno un tipico salotto, camera da letto e "bar" dell'epoca. Semplicemente sembra di essere nei primi anni 60. Leggi che era cosi' intorno agli anni 80. Ti cade la mascella.
Lo stereotipo delle calze. Riconfermato dalla targhetta vicino a uno stendino con calze che all'epoca erano un bene importantissimo. Le donne non portavano i pantaloni e le calze dovevano durare. Si riparavano.

"vabbe' vabbe' il PDF?"
Mi pare gia' di sentire.

Dopo Praga sono quasi immune. Le polacche sono carinelle ma non ho smascellato. Ero troppo occupato a visitare la citta' poi per farci caso.
Degno di nomina un paio di gemelle, sulla 20na. Sul tram erano davanti a me, biondine occhi azzurri. Carinissime con visi con tratti dolci. E son partiti film mentali degni di Brazzers.

KIEV
Volo con la linea nazionale ucraina. La divisa delle stewardess e' assai azzeccata.
Atterro e vado al tourist office dell'aeroporto per prendere la Kiev Pass. Non la vendono. Mi indica il bus di connessione alla citta' e di prendere la metro per arrivare al centro commerciale "Gulliver". La' c'e' un altro tourist office.

Monto sul bus, il tizio non parla inglese. Butto lo zainone in un luggage store dentro al pulman. Tiro fuori le Grivne che avevo cambiato a Varsavia, mi fa cenno di sedermi e basta. Ripassera' dopo a prendere il pagamento.
Mi guardo la mappa data dalla tizia del tourist office con le indicazioni. Non ho una cazzo di idea di dove scendere. La tizia seduta a fianco a me mi aiuta. Mi dice di scendere alla prima fermata.
Il bus arriva in questo "mercato" fatto di container ristrutturati a negozietto. Me pare l'Albania. Scendo e vedo una M verde.
Prendo un biglietto alla biglietteria. 8 grivne e ti danno un gettone tipo sala giochi, ma di plastica. Metto nel tornello e passo. Scendo per le scale mobili.
CAZZO quanto sono profonde le metro in Kiev. Hanno anche il record del mondo, 105 metri.
Le stazioni sono decorate con motivi e temi... liberty? Scusate sono ignorante. Si respira il classicismo sovietico. Tutto marroncino e panna. Dal soffitto penzolano dei cazzo di lampadari a illuminare (male) la stazione.
Arriva la metro. Carrozze vecchissime, anni 50? Blu e gialla, come la bandiera. Rumorissime dato che non hanno climatizzazione e quindi lasciano i finestrini aperti. O la metro e' lenta (non credo) o le stazioni sono lontanissime (probabile). Da come siamo abituati, ci si mette un casino tra una stazione e l'altra.

Arrivo al Gulliver. Il tizio e' gentilissimo e spiega tutto di tutto. Mi da il suo numero personale, mi dice di contattarlo per tutto. Mi aiuta ad attivare la scheda sim locale. Dice "italians good! I like! Italians always emotions! I like!".
Vado all'airbnb che puro caso era vicinissmo al Gulliver. Entro questo edificio che sembrava essere sopravvissuto al Kosovo. Scale rovinate, pavimenti con mattonelle rotte. Superata la porta dell'appartamento tutto perfetto e ristrutturato.
Solo che la "Studio apartment" era na cazzo di stanza. La tizia aveva ristrutturato due appartamenti e divise in camere studio individuali, quindi ero in una sorta di hotel. Vabbe', sticazzi.

Kiev ha tantissime belle chiese con le loro cupole dorate. Parchi a iosa ognuna con un suo monumento. L'architettura della citta' e' maestosa. Le piazze e i monumenti sono impressionanti.
Il monumento alla patria e' una statua di donna con spada e scudo con sopra falce e martello. Di una maestosita' assoluta.
Da qui tutti i monumenti sono "ai caduti di" "agli eroi di" "alla grande fame del". Hanno preso tante batoste.

Adoro mangiare nelle mense sparse nei quartieri degli uffici. Non devo conoscere la lingua locale, posso vedere i piatti e scegliere.
Il Borsch e' stupendo. I loro ravioli di carne o di patate o di verza, idem. Avevano sto piatto fatto tipo torta di pancake/frittatine sovrapposte e panna acida. Decorata con carote, fagiolini e aneto. Una delizia.

"si vabbe' non ce ne fotte un cazzo, ma il PDF?"
Prima vi dicevo che Praga mi aveva dato il primo shock e mi sentivo immune. Ringrazio il cielo di essere stato la' prima.
Se a Praga dovunque e chiunque sono PDF, a Kiev sono livello Modelle da Fashion Week PDF.
Si diventa stupidi. Oltre a essere bellissime, le ucraine sono FEMMINILI. E ora le donne del sub mi uccideranno.

Ma in Ucraina ho imparato che le RAGAZZE, possono ANCORA INDOSSARE LA GONNA. E lo dico in senso figurato e non.
Si vestono come donne, sanno essere femminilmente eleganti senza strafare. Meno cappottoni piumozzo Omino Michelin, piu' cappotti lunghi marroni e trench. Meno sneakers, piu' stivaletti corti. Meno jeans, piu' gonne e calze.

Nella metro, incrociando qualcuna che scendeva mentre salivo e viceversa, mi e' capitato piu' di una volta di fare eye contact perche' ero genuinamente affascinato dalla naturale bellezza. Nessun sguardo "cazzo vuoi?". NEMMENO INDIFFERENZA.
Ho ricevuto sorrisi piu' o meno aperti, altri deliziosamente un po' imbarazzati. E ho ricambiato con un sorriso leggero e distogliendo subito lo sguardo. Ok ti trovo carina, ma non faccio lo stalker.

La gente e' un po' diversa la'. Non sorridono molto. La metro non ha il segnale di avvertenza chiusura porte. Te le chiudono in faccia e basta. I camerieri non erano abituati ai miei "spasiba" per ogni cosa. Sempre la metro ha delle porte molleggiate pesantissime che si aprono in entrambe le direzioni. Pesanti e molleggiate che se non fai attenzione quella che ti torna indietro verso di te ti puo' rompere tranqullamente il naso.
Pochi tengono la porta per la persona dietro. Io lo facevo sempre, ho ricevuto a volte degli sguardi "ma perche' mi tieni la porta?"

TINDER
Volendo conoscere meglio le persone locali (si si ok... dai.) ho utilizzato tinder.
Tra i match ho avuto un paio di mignotte dichiarate. Una che diceva "cerco uno che soddisfi i miei bisogni materiali". Un altra che dice "ho bisogno di uno che mi mantiene".
Una invece ci parlo normalmente, mi chiede dove sono e io "vicino al Gulliver". Lei fa "io sono proprio al Gulliver, vediamoci".
Vado. Andiamo in un ristorante/bar fighetto e prendo un prosecco. Lei un the'. Parliamo del piu' e del meno. Mi dice che alla mia eta' gli uomini sono maturi e sanno quello che vogliono. Che le piace.
Mi dice che sembro mezzo kazhako (sono cinese) ma sono italiano dentro per come parlo. Le piace.
Mi dice che sono un tipo a posto, le piace.
Concludiamo poco dopo per non appesantire troppo questa prima uscita. Mi chiede se amo la cioccolata, dico di si. C'e' un carrello di cioccolata artigianale, ne ordina 30E e pago io e se le mette in saccoccia. Va al bancomat per ricaricare il cell, dice che non ha grivne con se che e' tornata da poco da un viaggio. Mi batte la ricarica.
Inizio a sentirmi un mezzo coglione, ci salutiamo e poi realizzo che, seppur per due stronzate, m'ha battuto dei soldi.
Mi passa la voglia di sentirla, lei si fa risentire per una eventuale cena. Io dico di si, e le butto un aperitivo/bicchiere di vino da me prima. Sparisce. EHhehehehe.

Tizia Tinder 2. Sempre stocazzo di centro commerciale. Come arriviamo al bar e parliamo, mi batte i soldi del taxi. "qua e' normale. Te non puoi venirmi a prendere perche' non hai l'auto qua, ma si fa cosi' qui. Tu vai a prendere la tua donna." Io da mezzo cojone mi sento TUTTO cojone.
Parliamo del piu' e del meno, e a una certa la becco che mi squadra l'orologio per capire di che marca/valore e'. Un cazzo di Citizen (bello) da 100E.
La' mi cala totalmente, chiudo l'appuntamento e saluto. Same story poi si fa risentire per rivederci, offro sempre bicchiere di vino da me, dice che mi fa sapere. Sparita. EHHEHEHEhhHE.

Mando a fanculo Tinder e lascio perdere. Mi godo la citta' per quello che e'.

Girando e camminando prendo un appuntamemto per un massaggio. C'ho le gambe stanche e fa anche freschetto a tratti. Mi coccolo.
Centro ok, sembrava quasi medico. Inizio a parlare con una tizia mentre aspetto, scherzando e altre cose le dico che sono un panzone e bla bla. Si finisce a parlare di mangiare quindi, e me ne esco in totale non chalance "e allora stasera ti porto a mangiare fuori dai".
Mi dice di "si".
Mi faccio dare il numero e faccio il vago. Dentro ero "cazzo non ero mai arrivato a questo punto cosi' di punto in bianco. E mo'?". AHHAHAHA
Beh insomma me ne vado e ho il tempo per organizzarmi e riordinare le idee.

Decido il posto, le scrivo, ristorante di carne. Bella seratina, chiacchiere e risatine. Inglese stentato ma si comunica. Ogni tanto google traduttore, ma non eccessivo. Ovviamente gesticolo tanto per farmi capire e uso un simple english anche maccaronico per essere piu' comprensibile.
Anche lei mi fa "Your emotions, so funny". Non sono proprio abituati a persone che si esternano molto. "My english not good, but you talk, you hand, I understand everything". Mi fa piacere, si sente a suo agio, comprende e si sente "compresa".

Dopo cena mentre aspettiamo l'Uber che la riporta a casa, tento il bacio. Vado la' dritto ma gentilmente, non a fulmine o per rubarlo sto bacio. Ride e gira intorno al mio viso e mi bacia in fronte. Riprovo. Idem con bacio sul naso. Vabbe', almeno non mi ha spinto via o reagito di scatto/male.

Rimaniamo che ci vediamo il giorno dopo. Passeggiata e poi ci ritroviamo nel centro commerciale. Diamo uno sguardo ai negozi, le dico di provarsi una gonna. Mi piace fare shopping cosi' dove la ragazzafa da "modella" e esce dal camerino e mi fa vedere come sta con le cose.
La prova, mi fa vedere, le dico che le sta bene. Le chiedo se le piace. Mi dice di si. "Ok prendiamola". All'inizio non capisce e dice che non vuole spendere soldi. Carinella, mica avevo capito che pagavo io. 25E da Beshka o qualcosa del genere.

Rimane contenta, continuiamo la nostra serata e andiamo a mangiare. Dopo cena ritento l'approccio. Ci baciamo.
Mi dice che una sua amica e' offesa che non si fa viva da qualche giorno. Mi dice che vuole stare con me e non vuole farla arrabbiare, propone di stare insieme tutti e tre.

Accetto, mi presenta l'amica. Carina, simpatica, ha un figlio. Inglese veramente scarso ma qualcosa riusciamo a dircela. Serata ad un hookah bar. L'hookah e' il loro nome il narghile'. Poi se tecnicamente sono due cose diverse, nin zo'.

Finita serata rimaniamo che ci vediamo anche il giorno dopo. Presto dovro' ripartire e ci va di stare assieme.

Due pomeriggi e sere ok, di cui un altra sera con amica. Ci vede baciarci, fa' la faccina "ohhh che piccioncini" e fa' "you good man. My friend lucky. Good man". Meno male... ho l'approvazione di amica. Che mi pare assai importante visto che non ha potuto evitare di non vederla.

Un pomeriggio ha accettato di venire da me. Ho provato il colpaccio ma non ha voluto. Beh cazzo, mi conosce da 3 giorni mi pare anche legittimo da parte sua. Poteva andarmi meglio, non e' stato cosi.

Ora sono tornato. Ci sentiamo su Viber. Non e' espansiva e non mi scrive per prima. Penso che sia che non sono abituati troppo a esprimersi, e la' la Donna fa' la Femmina.

Oppure sono tutte scuse mie e non je ne fotte un cazzo. Chissa'. Fatto sta che l'ultima sera ha detto che voleva rivedermi.
Fatto sta che INCREDIBILE ma vero Ryanair ha aperto rotte su Kiev proprio questo ottobre. Fatto sta che parlando su Viber ho accennato a un mio ritorno.

Fatto sta che ora ho il volo prenotato per il 12 novembre.

ATTERRAGGIO D'EMERGENZA

In fase di decollo da Kiev abbiamo beccato un uccelo che si e' sfracellato su una antenna dell aeromobile. Capitano ha dato annuncio di atterraggio e ha dichiarato "il volo piu' breve che abbia mai fatto".
Tutti a lamentarsi e sbuffare, io sto ancora qua a ringraziare il cielo che posso raccontarlo in giro sto fatto.

P.s.Sto cercando di farmi altri contatti e mi iscrivero' a una chat/siti di incontri russi o qualcosa del genere. Per quanto sia carina e mi piaciucchia, non mi faccio una cazzo di imbarcata fino a laggiu' per scommettere su una persona sola.

P.p.s.Lei ha 21 anni. Io 35. Lei non sa che eta' ho. :D
submitted by Wongfeihong to italy [link] [comments]


Como Solucionar La Lentitud De Mi Pc  Aumentar Velocidad ... Kiki Valera “Vida Parrandera” - La Familia Valera Miranda ... Cazzu - “MUCHA DATA” (LETRA) - YouTube MI PC ESTA MUY LENTA LA FORMATEO PERO SIGUE LENTA ESTA ES ... Solucion - Skype demasiado lento (Correccion facil) PC LENTA DESPUES DE FORMATEAR - YouTube por que windows 8 cada vez va mas lento www.youtube.com NO COMPRES OTRO PC!!!!!!! ¿Tu ordenador va lento? Haz esto ...

VA.gov Veterans Affairs

  1. Como Solucionar La Lentitud De Mi Pc Aumentar Velocidad ...
  2. Kiki Valera “Vida Parrandera” - La Familia Valera Miranda ...
  3. Cazzu - “MUCHA DATA” (LETRA) - YouTube
  4. MI PC ESTA MUY LENTA LA FORMATEO PERO SIGUE LENTA ESTA ES ...
  5. Solucion - Skype demasiado lento (Correccion facil)
  6. PC LENTA DESPUES DE FORMATEAR - YouTube
  7. por que windows 8 cada vez va mas lento
  8. www.youtube.com
  9. NO COMPRES OTRO PC!!!!!!! ¿Tu ordenador va lento? Haz esto ...

Enjoy the videos and music you love, upload original content, and share it all with friends, family, and the world on YouTube. luego de formatear nuestra pc se pone lenta o inestable en la velocidad al conectarnos a internet, esto debido a que la maquina empieza a descargar actualiza... por que windows 8 cada vez va mas lento 2.0 link: http://www.youtube.com/watch?v=3KXWMOM_ywk&list=UU43ROlI6Xw0d4-U-67ppJ0A seguidme en instagram:https://www.... En Español SSD SANDISK ULTRA 2 Si tu ordenador, portatil o notebook con Windows (XP / Vista / 7 / 8 / 10) o MacOs está lento y quieres revivirlo te mostr... SPOTIFY: https://open.spotify.com/album/6UzanDPSBpaABA7eWs9X4y (For English & lyrics, click “SEE MORE”) Haga clic en “MOSTRAR MAS” para las letras. Kiki Vale... Joining a Zoom Call for the First Time; Fun and Easy Online Connection - Duration: 8:16. Creative Life Center Recommended for you Video tutorial PASO A PASO, aprenderemos limpiar optimizar y hacer mas rápido nuestro Pc o Laptop en cualquier versión de Windows 7, 8, 8.1, XP. Para solucio... mi pc esta muy lenta la formateo pero sigue lenta esta es la solucion ojo no utilizar programas de limpieza en windows 10 porque pone el sistema se pone ines... Vídeo de la compositora mi amor Cazzu: https://www.youtube.com/watch?v=WtvOH1EKWoo Delen visitas a la creadora de este temazoooo Saludos 💗 Siganmen en instag...